Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47 Addio Isolato 47

↓ SOS Blog

✎ Search a content

Lo abbiamo annunciato durante XYZ 2017 e ribadito in questi giorni: la SOS ha cambiato casa.

Perché?

Appena rientrati dalle vacanze, troviamo in giacenza questa raccomandata, datata 3 agosto.

Mittente: Politecnico di Bari
Oggetto: “intimazione rilascio immobile Isolato47”

Nel corpo della missiva si parla di intervenire “con l’assistenza della forza pubblica”, minacciando un “accesso forzoso e rimozione”.

Il tutto condito di imprecisioni, come “continua ad occupare senza titolo i locali”.

La lettera arriva dallo stesso ente che nella figura del Magnifico Rettore aveva parlato di SOS – durante l’apertura del nostro primo laboratorio organizzato a Bari vecchia – come delle “antenne del Politecnico”. Lo stesso ente che, il 22 novembre 2016 (oltre la “scadenza della concessione”) era presente all’inaugurazione delle attività di SOS all’interno dello spazio ISOLATO 47.

Lo stesso ente che, durante i laboratori di luglio di quest’anno, ha dichiarato di “non aver mai visto questo posto così vivo”. Un luogo da sempre avamposto dell’innovazione a Bari vecchia – sin da quando, negli anni ‘70, è stato il primo consultorio famigliare nel borgo antico, poi oggetto di numerosi investimenti e piani di riqualificazione – inutilizzato per anni fino all’arrivo della Scuola Open Source.

E, dal 12 settembre di quest’anno, l’Isolato è tornato ad essere una scatola vuota, dopo un inspiegabile cambio di rotta da parte del Politecnico.

Ma prima di andare avanti nella storia, dobbiamo fare uno sforzo per ricostruire la vicenda da principio:

14 dicembre 2015
Il progetto La Scuola Open Source vince il Bando di Innovazione Culturale ☛ CheFare, avviando dunque le operazioni di costituzione e muovendosi con vari attori del territorio per individuare una sede consona. Il Politecnico, con l’intercessione del Comune, si dimostra disponibile e interessato a collaborare.

Accordo iniziale (scadenza 30 settembre 2016):
Con ☛ delibera approvata all’unanimità dal proprio CDA l’8 marzo 2016 seguita da un ☛ protocollo di intesa e un ☛ accordo di attuazione dello stesso , il Politecnico di Bari sottoscrive un accordo con La Scuola Open Source riguardo l’utilizzo dell’immobile ISOLATO 47, già a partire dai laboratori di co-progettazione XYZ 2016, alla cui inaugurazione presenziano Comune e Politecnico.

13 settembre 2016
La Scuola Open Source chiede ufficialmente, tramite PEC, l’estensione dell’accordo ad altre aree dell’immobile ed il suo rinnovo. Il Politecnico risponde affermativamente alla richiesta di utilizzo delle altre aree, pur non facendo cenno al rinnovo dell’accordo in scadenza.

Email
Richiesta di rinnovo accordo
Richiesta di estensione dell'accordo ad altre aree di Isolato 47
Risposta del rettorato

22 novembre 2016 (già oltre la scadenza dell’accordo):
Inaugurazione SOS, è presente un delegato del Magnifico Rettore che tesse le lodi del progetto, dimostrando quanto l’Ente sia a conoscenza delle attività e delle modalità di svolgimento di queste all’interno dello spazio.

12 dicembre 2016:
La Scuola Open Source fa presente al Rettorato tramite PEC che sebbene il Politecnico abbia fornito rassicurazioni per vie informali (come si evince dalla partecipazione dell’Ente in data 22 novembre all’inaugurazione), non è stata ancora fornita una risposta formale alla richiesta di rinnovo accordo inviata tramite PEC in data 13 settembre 2016. ☛ Email

27 febbraio 2017:
Dopo altri 2 mesi, nel tentativo di costruire un tavolo tecnico per affrontare la questione, La Scuola Open Source scrive in modo congiunto tramite PEC a Comune di Bari (Ass. Cultura) e Politecnico di Bari. Il Comune risponde dando la propria disponibilità. Il Politecnico continua a non rispondere. Il Comune cerca di aiutarci ad ottenere questo incontro a tre, ma senza successo: il confronto non è mai avvenuto. ☛ Email

22 giugno 2017:
Il Politecnico agisce su due fronti:
a) da una parte ☛ tramite comunicato stampa ripreso da Gazzetta del Mezzogiorno, diffonde la notizia che ISOLATO 47 sarà usato per un progetto – Contamination Lab, per il quale eravamo stati coinvolti come partner per poi vederci estromessi – appena finanziato dal MIUR;

b) dall’altra contatta SOS per vie informali informandoci che ci potrebbero essere dei problemi in quanto hanno scoperto che l’immobile non è di loro proprietà (!) ma bensì del Demanio Pubblico.

Nella settimana seguente:
Ispezione del Demanio a cui segue una nuova comunicazione informale da parte del Politecnico con cui ci dicono che dobbiamo andare via immediatamente.

Con una straordinaria calma gli rispondiamo che c’è XYZ – nonché il conseguente investimento economico in atto – e che quindi per noi non è plausibile spostarci in tempi brevi, rassicurandoli allo stesso tempo sulla nostra volontà di andare via con tempi ragionevoli.

A questo punto organizziamo un incontro con il Demanio, durante il quale quest’ultimo ci rende edotti della situazione, fornendoci ulteriori dettagli:

Nell’ambito di un’analoga ispezione, ISOLATO 45, immobile gemello affidato in gestione all’Università degli Studi di Bari (analogamente a quanto fatto con ISOLATO 47, affidato in gestione al Politecnico di Bari), è stato “ritirato” perché vuoto, cioè inutilizzato.

Esattamente come era inutilizzato, da più di 7 anni, ISOLATO 47, prima che noi ci entrassimo. E come sarebbe stato se il Demanio non avesse riscontrato attività durante la propria ispezione. (Le attività di SOS).

Ne consegue che se noi non avessimo utilizzato ISOLATO 47, per via di una “svista” dell’amministrazione, oggi il Politecnico non avrebbe più (come invece ha) la gestione di questo immobile, il cui valore economico, per parlare di cose concrete, è stimato in circa 2 milioni di euro.

Immobile del demanio, quindi pubblico. Tenuto chiuso, per anni.

Segue negoziazione sempre per vie informali, nella quale ci concedono di svolgere il laboratorio e lasciare l’immobile a lavori appena conclusi.

29 giugno 2017:
Il Politecnico ci comunica per vie informali che “sarebbe meglio” se chiedessimo il loro patrocinio per XYZ, in modo da giustificarelo svolgimento del laboratorio all’interno dell’immobile.
Prepariamo la richiesta e la inviamo. Ci rispondono rapidamente (a differenza delle altre precedenti occasioni, quando si parlava di rinnovo dell’accordo).

Richiesta patrocinio SOS al Politecnico
Risposta del Politecnico

Successivamente, restiamo in attesa di istruzioni sulle modalità dello sgombero. La telefonata dell’ufficio legale del Politecnico arriva il 31 luglio (ultimo giorno di XYZ), con l’invito a recarci il giorno dopo presso il Rettorato per la restituzione delle chiavi dell’immobile. Come potrete immaginare, smantellare macchinari, materiali, attrezzature, documenti, cancelleria, output dei corsi in 24H e con la città in ferie sarebbe stato impossibile, ed esponiamo loro la nostra difficoltà oggettiva. Ci impegniamo dunque a non svolgere più alcuna attività nell’immobile e trasferire tutto entro la prima settimana del mese di settembre, tranquillizzando i burocrati del Politecnico sulla fedeltà dei pirati a rispettare gli accordi.

11 settembre 2017:
Ottemperando all’intimazione del Politecnico di Bari, La Scuola Open Source lascia l’immobile.

Questo (anche se lo sembra) non è un epilogo.

Nonostante il pasticcio amministrativo, grazie alla tolleranza del Demanio e soprattutto al fatto che la SOS abbia rigenerato, riaperto e riempito lo spazio (di idee, sogni, storie, competenze e progetti), il Politecnico di Bari non ha perso l’immobile (come è invece avvenuto all’Università), annunciando di avere delle idee da sviluppare lì dentro – e a questo punto speriamo sia davvero così.

Da un lato, siamo fieri di aver dimostrato che è bastata la volontà di un gruppo di giovani – e un bando di innovazione culturale ben impostato – insieme ad un iniziale dialogo costruttivo con le istituzioni, a restituire alla comunità un bene tanto strategico quanto abbandonato.

Dall’altro, resta l’amarezza per aver chiuso il primo capitolo della nostra esperienza in questa maniera così brusca, inattesa ed opaca.

Riusciranno le istituzioni a cogliere i segnali del cambiamento e superare la dicotomia pubblico - privato? Riuscirà la fiducia a superare la diffidenza?

Noi, intanto, guardiamo oltre la nebbia, dove c’è uno spiraglio di luce.

Direzione ☛ Libertà.

Il resto ve lo raccontiamo nei prossimi giorni.

↓ All courses

Caso a fumetti

Held by: Martoz

Laboratorio level facile

racconto

caso

nascondiglio

analogia

filo

immaginazione

Submissions deadline: 16-12-2017

Start: 16-12-2017

Comic Sans Revisited

Held by: Luciano Perondi / Alessio d'Ellena

Laboratorio level intermedio

typefaces

design

random

algoritmi

generativo

Submissions deadline: 26-12-2017

Start: 02-01-2018

L'immagine della città

Held by: Mauro Bubbico

Laboratorio level intermedio

Design

identità

memoria

antropologia

comunicazione istituzionale

branding

Submissions deadline: 30-12-2017

Start: 12-01-2018

Disegnare il Futuro

Held by: Marco Goran Romano

Laboratorio level facile

Illustrazione

design

futuro

invenzioni

macchine impossibili

scenari

Submissions deadline: 29-12-2017

Start: 13-01-2018

Strumenti e processi digitali

Held by: Aurelio Carella / Giancarlo Ostuni

Laboratorio level facile

digital coaching

business plan

automazione

processi

strumenti

Submissions deadline: 30-12-2017

Start: 13-01-2018

Web Design and Development

Held by: Andrea Bergamini / Giuseppe Salvo

Laboratorio level intermedio

web

coding

design

grafica

informatica

Submissions deadline: 05-01-2018

Start: 15-01-2018

Euro-planning 2

Held by: Ilda Curti / Francesca Giorgio

Laboratorio level intermedio

eurploanning

application

writing

ue

socialinn

business modeling

Submissions deadline: 05-01-2018

Start: 18-01-2018

Sistemi d'accesso digitali H24

Held by: Alessandro Balena / Nicolò Loprieno / Alessandro Tartaglia / Piero Boccadoro

Laboratorio level intermedio

product design

service design

IoT

domotica

comunicazione

Submissions deadline: 13-01-2018

Start: 19-01-2018

Futures of Work

Held by: Nefula's Team

Workshop level intermediate

Speculative Design

Near Future

Future

Work

Entrepreneurship

Submissions deadline: 12-01-2018

Start: 26-01-2018

Arduino Basic / Piccole Invenzioni

Held by: Aurelio Carella

Laboratorio level facile

arduino

making

diy

elettronica

open source

artigianato digitale

Submissions deadline: 20-01-2018

Start: 27-01-2018

Start-Up Open Source

Held by: Giancarlo Ostuni

Workshop level easy

start-up

design thinking

business plan

18app

innovation

business

Submissions deadline: 12-01-2018

Start: 27-01-2018

Basic Design

Held by: Giovanni Anceschi

Laboratorio level facile

Basic design

pedagogia

learning by doing

bauhaus

gestalt

Submissions deadline: 21-01-2018

Start: 29-01-2018

Scritture, notazioni e…

Held by: Giovanni Lussu

Laboratorio level intermedio

narrazione

notazione

raffigurazione

rappresentazione

sinsemia

transcodifica

Submissions deadline: 15-01-2018

Start: 29-01-2018

Libri (da de-finire)

Held by: Silvana Amato

Laboratorio level intermedio

cercare

libro

narrazione

forma

scelte

costruire

Submissions deadline: 21-01-2018

Start: 31-01-2018

Visual studies 2

Held by: Tommaso Guariento

Lezione level intermedio

iconografia

visual studies

memetica

antropologia

immaginazione

Submissions deadline: 03-02-2018

Start: 12-02-2018

Interactive Data Visualization 2

Held by: Puria Nafisi

Workshop level advanced

d3.js

coding

data

visualization

Submissions deadline: 10-02-2018

Start: 22-02-2018

◱ Find a course

↓ Activities keywords

racconto

caso

nascondiglio

analogia

filo

immaginazione

product design

service design

IoT

domotica

comunicazione

fashion

making

modular

prototyping

laser

cutting

Basic design

pedagogia

learning by doing

bauhaus

gestalt

d3.js

coding

data

visualization

iconografia

visual studies

memetica

antropologia

digital coaching

business plan

automazione

processi

strumenti

start-up

design thinking

18app

innovation

business

narrazione

notazione

raffigurazione

rappresentazione

sinsemia

transcodifica

web

design

grafica

informatica

Speculative Design

Near Future

Future

Work

Entrepreneurship

cercare

libro

forma

scelte

costruire

Design

identità

memoria

comunicazione istituzionale

branding

eurploanning

application

writing

ue

socialinn

business modeling

Illustrazione

futuro

invenzioni

macchine impossibili

scenari

typefaces

random

algoritmi

generativo

arduino

diy

elettronica

open source

artigianato digitale

b-corp

benefit corporation

impact reporting

nativa

hacking

semiotics

typography

communication

DIY

robot

digital handicraft

services

processes

social innovation

canvas

publishing

interaction design

electronics

digital crafts

do it yourself

serigraphy

xylography

graphics

print

etching

strategy

press office

social media

project management

basic design

pedagogy

lettering

font

antropology

iconography

memetics

playing

js

javascript

d3

dataviz

data visualization

calls for tenders

texts drafting